Ambulatorio Veterinario MariVet - Tartarughe d'acqua dolce - Ambulatorio Veterinario MariVet

Vai ai contenuti

Menu principale:

Esotici


LA TARTARUGA D'ACQUA DOLCE

Pur non essendo d’accordo con la compra-vendita di queste minuscole tartarughine, se ormai l'avete in casa è essenziale che sappiate come fare perché non si ammali e non muoia (questa è, infatti, la cosa più probabile entro pochissimi anni - se non mesi - dal suo ingresso in casa), ma anche perché possa patire al minimo la sua condizione di cattività.


Le tartarughe acquatiche più comuni nelle case degli italiani al momento sono:
- Tartaruga dalle orecchie rosse (Trachemys   scripta elegans)
- Tartaruga dalle orecchie gialle (Trachemys scripta scripta)
- Tartaruga carta geografica (Graptemys kohni)


Allevamento, cura e alimentazione in cattività


Lo spazio

Ricordate sempre che "più spazio c'è, meglio è".
Dimenticate le vaschette "lager" con la palma di plastica e 2 cm d'acqua che si vendono abitualmente nei negozi. Le tartarughe hanno bisogno di una vasca adeguata in cui possano nuotare e di una zona asciutta dove muoversi e fermarsi a prendere il di sole.

Laghetto artificiale all'aperto
Cercate di sistemare la vasca in una zona dove ci siano sia sole che ombra per mantenere l'acqua a una temperatura idonea e per non causare surriscaldamento.
In inverno è indispensabile dotarsi di un termoriscaldatore  che tenga la temperatura del laghetto a livelli accettabili (minimo 20°C).
L'animale deve potersi esporre al sole, indispensabile per la sua sopravvivenza. Il rammollimento del carapace causato dalla carenza di esposizione al sole porterebbe la tartaruga alla morte.


Acquaterrario o Terracquario
Per chi non ha il giardino, la soluzione migliore consiste nell'utilizzare un acquario di vetro o plexiglass.
Se la tartaruga è sotto i 10 cm di lunghezza si può usare un acquario delle dimensioni minime di 60 x 30 x 30 cm. Naturalmente, man mano che l'animale crescerà, la vasca dovrà essere sostituita da una più grande.
La profondità dell’acqua per le tartarughe neonate non deve superare i 5 cm. Per quelle più grandi la profondità deve essere pari alla lunghezza del carapace, ad esempio per una tartaruga di 10 cm l’acqua deve essere profonda 10 cm. Si eviti di usare come fondo dell'acquario della
ghiaia troppo piccola che, se ingoiata, potrebbe causare una costipazione intestinale. Meglio non mettere nulla, facilitando così il mantenimento della pulizia della vasca.
L'acquario dovrà essere fornito di una zona asciutta e facilmente raggiungibile dalla tartaruga, che potrà essere costituita da un pezzo di legno/sughero o da rocce.


Temperatura e illuminazione
La temperatura ideale dell'acqua è di
24-26°C di giorno, con una riduzione di circa 5°C di notte. Di vitale importanza per la salute della tartaruga è l'esposizione al sole. Durante le giornate calde e soleggiate, è un'ottima pratica permettere alle tartarughe di esporsi alla luce solare diretta.
Si deve prestare la massima cura ad evitare problemi di surriscaldamento, soprattutto per gli esemplari più piccoli, fornendo la possibilità di ripararsi all’ombra se la temperatura aumenta troppo. Il calore eccessivo può uccidere un rettile in pochi minuti.
Se l'esposizione al sole non è possibile, si devono utilizzare 2 tipi di lampade acquistabili nei negozi per animali: una lampadina a incandescenza per il calore, e una lampada a raggi ultravioletti (UVA e UVB), che permette alle tartarughe di sintetizzare la vitamina D3 di cui hanno necessità.

L'alimentazione ideale
Le testuggini d'acqua hanno una dieta prevalentemente carnivora fino al
compimento del 2° anno di età, mentre durante la vita adulta la dieta diventa decisamente onnivora. Alcune specie restano più carnivore di altre, quindi informatevi sempre sulla natura del vostro animale.
La maggior parte delle testuggini acquatiche in natura preda una grande varietà di animali: pesci, molluschi, crostacei, lumache, insetti acquatici, piccoli di uccelli acquatici.
In cattività è essenziale fornire alla nostra tartaruga tutti gli elementi di cui ha bisogno, nutrendola con un'alimentazione variata e bilanciata, simile a quella che avrebbe in natura.
Nutrire l'animale solo con cibi confezionati (come i comuni gamberetti essiccati) è un errore gravissimo che porta alla morte in poco tempo.

Dieta suggerita:
Pesce crudo (intero, anche congelato), ideale il pesce azzurro
• Verdure a foglia (cicoria, bieta, tarassaco, radicchio, lattuga), carote tritate e fagiolini
• Gamberi, seppie, calamari (anche surgelati, da scongelare prima di essere somministrati)
• Lombrichi, lumache e altri molluschi
• Cibi secchi in pellet per tartarughe
Saltuariamente:
• Carne
• Crocchette per cani e gatti
• Frutta

Le diete ricche di carne sono errate perché la carne è ricca di fosfati e povera di calcio.

Si raccomanda di fornire anche degli ossi di seppia, molto utili per fornire il calcio. Infine un paio di volte alla settimana si somministra un buon integratore minerale-vitaminico per rettili. E’ una pratica assolutamente inutile mettere le vitamine nell’acqua, il che oltretutto favorisce la moltiplicazione batterica.

Non somministrate troppo cibo. Una testuggine piccola va nutrita 1 volta al giorno, una testuggine adulta a giorni alterni.
Sovralimentandole le renderete obese e sonnolente e avrete rapidamente problemi d'igiene della vasca con la conseguenza di una maggiore
incidenza delle malattie infettive.

Per eventuali problemi di salute della vostra tartaruga, si consiglia una visita da un veterinario.


Fonti bibliografiche:
http://www.soccorsofauna.com
http://www.tartarughe.info
http://www.sivae.it



Gli errori più comuni
1. Tenere le tartarughe nell'acqua fredda (un termoriscaldatore è indispensabile di inverno)
2. Tenere le tartarughe nell'acqua sporca
3. Alimentare eccessivamente le tartarughe
4. Fornire una dieta poco variata (gamberetti essiccati)
5. Privare le tartarughe della luce del sole, o della lampada per rettili (N.B.: La lampada per rettili ha un "potere" che dura 9 mesi. Va cambiata anche se sembra ancora funzionante)
6. Surriscaldamento eccessivo.

Link utili


Info su tartarughe terrestri e acquatiche


Centro recupero tartarughe marine (CRTM)

 
 

Ti è piaciuta questa guida? Puoi scaricarla e stamparla!
La tartaruga d'acqua dolce  


 
 
 
 
 
 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu